RED BULL TRANS SIBERIAN EXTREME 2015. DIARIO DI BORDO, 3° TAPPA

RED BULL TRANS SIBERIAN EXTREME 2015. DIARIO DI BORDO, 3° TAPPA

Terminata anche la terza tappa di questa Red Bull Trans Siberian Extreme 2015. Perm-Yekaterinburg, 369 km, una delle tappe più corte, ma non per questo meno insidiose: 3.300 metri di dislivello, tanti sali e scendi che hanno caratterizzato tutta la giornata.

Gruppo compatto quest'oggi, con nessuno che ha tentato la fuga. Si potrebbe dire quindi tappa "interlocutoria" in attesa delle fatiche successive.

In ogni caso media di corsa molto alta, appena sotto i 34 orari per tutta la durata, nell'ordine delle 11 ore.

Oggi a detta di Paolo si poteva vincere. Purtroppo gli addetti alla corsa non gli hanno segnalato adeguatamente l'entrata nel parcheggio dove si concludeva la tappa, e ha quindi imboccato la strada sbagliata giocandosi il successo.

"Ma non importa, mancano ancora tante tappe, e la pazienza è la virtù dei forti" ci ha raccontato a telefono: niente lo smuove, è un mito!

Avanti sempre dunque, appuntamento a domani con la quarta fatica!

FORZA PAOLO E PAOLA!